LA SCUOLA

L'Associazione Centro di Consulenza alla Persona "Armonia" tiene, nella sua sede di Vasto, i corsi di formazione per Consulenti Familiari avvalendosi dei docenti della Scuola Italiana di Formazione per Consulenti Familiari (S.I.CO.F.) con sede in Roma - Via della Pigna, 13/a, riconosciuta dalla A.I.C.C.eF. (Associazione Italiana Consulenti coniugali e Familiari) - Via A. Tolosano, 60 - Faenza, associazione nazionale di categoria per i Consulenti Familiari deputata al riconoscimento delle scuole di formazione e a cui devono iscriversi i consulenti familiari per ottenere l'abilitazione allo svolgimento della professione.

La SICof, fondata nel 1976 è la prima scuola in Italia di formazione per Consulenti Familiari e si distingue per la sua specifica metodologia teorico-esperenziale.

La proposta è rivolta a chiunque desideri compiere un percorso di crescita interiore e maturazione umana:

insegnanti, psicologi, medici, avvocati, operatori sociali, operatori di volontariato, sacerdoti, catechisti, animatori, educatori, ed altri.

Le Scuole di formazione in consulenza Familiare riconosciute dall' A.I.C.C.e F. sono le agenzie formative che riconoscono, condividono e sostengono i principi ed i valori contenuti nello Statuto dell' A.I.C.C.e F. e si impegnano a formare e preparare i futuri Consulenti a Prendersi cura del benessere della persona, attuando percorsi di relazione d'aiuto, con impostazione socio-educativa e tecniche di accoglienza che valorizzino la persona nella totalità delle sue componenti.

ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO.

Il percorso formativo è triennale e per ogni annualità comprende:

-13 Training Group (3 ore ciascuno)

- 12 lezioni teoriche (3 ore ciascuna)

- 2 seminari residenziali (maratone) a Roma di due giorni (dalle ore 09,00 del sabato alle ore 13,00 della domenica con obbligo di pernotto).

Training Group (T.G.)

Il T.G. costituisce per la scuola la parte centrale della formazione. Il futuro Consulente, attraverso la dinamica di gruppo, impara a conoscersi nella relazione interpersonale, affinando le capacità dell'ascolto.

Lezioni Teoriche

Primo anno:

1. Approccio alla consulenza familiare.

2. Antropologia della consulenza.

3. La consulenza alla persona: IL SOSIA.

4. Sviluppo dell'individuo dalla prima infanzia all'adolescenza.

5. Elementi di analisi transazionale.

6. Elementi di teoria Rogersiana.

7. Elementi di teoria Gestalt.

8. Il ciclo di vita della famiglia.

9. Sociologia della famiglia.

10. Sessualità umana: relazione uomo-donna.

11. La costruzione del SE e il contatto nella relazione.

12. Modulo A.I.C.C.e F.

Secondo Anno:

1. tecniche di comunicazione.

2. Vita di relazione, preparazione al matrimonio e scelta di coppia.

3. Disagi dell'età evolutiva, preadolescenza e adolescenza.

4. Indicatori dei disagi psicologici e il campo d'azione della C.F.

5. Disagi della sfera sessuale.

6. La crisi nel ciclo di vita personale e familiare.

7. Violenza intrafamiliare.

8. Diventare madre e nuovo ruolo all'interno della coppia e della famiglia.

9. Genitori Sempre (GES). crisi della genitorialità.

10. Immagine, identità e ruolo del maschile nella società di oggi.

11. Cosulenza ed adozione.

12. Modulo A.I.C.C.e F.

Terzo Anno:

1. Principi e metodologia del C.F. come relazione d'aiuto: primo colloquio, accoglienza.

2. Etica e consulenza.

3. Applicazione della consulenza familiare nelle problematiche di coppia e della comunicazione.

4. Applicazione della consulenza familiare nelle problematiche sessuali.

5. Consulenza e mediazione familiare.

6. Applicazione della consulenza familiare rivolta all'intercultura.

7. diritto della famiglia: consulenza legale in consultorio.

8. Metodologia consultoriale in équipe, aggiornamento permanente, supervisione. Professionalità del C.F. nei tre ambiti: consultoriale, volontariato, privato.

9. Modulo A.I.C.C.e F.

Lavori scritti ed Esami.

Per ogni T.G. l'allievo esegue un breve elaborato relativo al proprio vissuto.

Alla fine di ciascun anno l'allievo presenterà la sintesi o recensione di almento 3 libri tra quelli indicati dalla scuola ed un breve elaborato sul proprio vissuto relativo al percorso e alle maratone.

Per il passaggio all'anno successivo è necessario superare le prove relative al programma dell'anno per essere in regola con gli aspetti amministrativi.

La valutazione per l'avanzamento è di pertinenza escusiva del Conduttore e dello Staff della scuola; l'eventuale valutazione negativa all'avanzamento viene comunicata per iscritto all'allievo.

Requisiti per l'ammissione:

- Al corso possono accedere coloro che abbiano compiuto 18 anni e siano in possesso del titolo di laurea o di diploma quinquennale di scuola superiore.

- L'allievo dovrà sostenere un colloquio motivazionale all'inizio del percorso e un colloquio valutativo alla fine di ogni anno che determinerà o meno il passaggio successivo.

- Per il passaggio all'anno successivo occorre raggiungere almeno l'80% delle presenze per ognuno dei momenti formativi e superare le prove relative al programma dell'anno; la presenza alle maratone è obbligatoria dal sabato alle 09,00 alla domenica alle ore 13,00 incluso il pernottamento obbligatorio presso la struttura scelta dalla scuola.

- Al terzo anno accede l'allievo che mostra di possedere le caratteristiche fondamentali per essere consulente familiare, che ha partecipato attivamente a tutte le fasi del biennio ed acquisito una buona preparazione di base.

Attestati di frequenza e Diplomi:

Al termine del terzo anno, se in regola con il percorso formativo, l'allievo dovrà sostenere un colloquio valutativo e un esame finale teorico con il proprio conduttore che sarà affiancato dal Direttore della scuola (o suo delegato) o dal Tutor della sede periferica e riceverà un attestato di frequenza per gli usi consentiti dalla legge.

Per accedere alle tesi di Diploma l'allievo dovrà aver prodotto tutti i lavori richiesti, superato positivamente il colloquio finale, essere in regola con tutto quanto previsto dalla scuola; la tesi deve essere richiesta alla fine del terzo anno ed essere discussa entro 12 mesi dalla fine della scuola.

L'allievo, per la stesura compilativa della tesi, avrà come riferimento, guida e sostegno il Conduttore del triennio che sarà il relatore; nessun ulteriore percorso è previsto per l'allievo per il conseguimento del diploma.

L'allievo che, per comprovati motivi, non riesce a diplomarsi entro i 12 mesi successivi alla fine del triennio può chiedere una proroga alla Direzione della Scuola; nel caso vengano superati 3 anni dalla fine del corso, l'allievo dovrà ripetere il terzo anno data la peculiarità di formazione essenzialmente esperenziale oltre che teorica; i singoli casi e/o eccezioni verranno valutate di volta in volta dalla direzione della scuola.

Al conseguimento del diploma di Consulente Familiare il corsista potrà iscriversi all'associazione di categoria per i consulenti familiari A.I.C.C.e F. (Associazione Italiana Consulenti Coniugali e Familiari).

 

Home Page